Office for the Equal Treatment of EU Workers

Riconoscimento delle qualifiche professionali estere

Dall'entrata in vigore della Legge sul riconoscimento nel 2012, ogni singolo individuo che abbia conseguito un titolo professionale ha diritto a una procedura di riconoscimento del proprio titolo professionale conseguito all'estero.

In Germania è possibile esercitare alcune professioni solo dopo un'autorizzazione statale. Si tratta di "professioni regolamentate", per le quali è necessario documentare di essere in possesso di particolari qualifiche per poter aver accesso e, quindi, esercitarle. Ciò significa che dovete prima sottoporvi a una procedura di riconoscimento delle qualifiche professionali. La procedura di riconoscimento viene effettuata dall'autorità locale competente per la relativa professione.

  • Il portale online "Riconoscimento in Germania" con lo strumento online "Trova ufficio riconoscimento" vi mostra qual è l'ufficio di riconoscimento che fa per voi e vi fornisce informazioni importanti sulla procedura di riconoscimento.
  • Qui trovate un catalogo completo con le domande e le risposte sul riconoscimento delle qualifiche professionali.

Durante la procedura di riconoscimento, si verifica se la qualifica professionale estera e quella tedesca sono equipollenti oppure se sono necessarie misure di adeguamento (verifica dell'equivalenza).

  • La banca dati anabin (non disponibile in lingua italiana) fornisce informazioni per la valutazione dei titoli di studio conseguiti all'estero e rappresenta uno strumento di supporto per le autorità, i datori di lavoro, i lavoratori e i soggetti privati per la valutazione di una qualifica estera all'interno del sistema di istruzione tedesco.
  • BQ-Portal (portale delle qualifiche professionali estere) è una piattaforma di informazioni e di lavoro che aiuta le associazioni di categoria e le imprese a valutare meglio le qualifiche professionali estere, nel caso in cui esista una relativa qualifica in Germania (professione di riferimento) regolamentata a livello federale.

Per alcune professioni non è necessaria la verifica dell'equivalenza. Tuttavia, anche in questi casi, prima di iniziare a esercitare la professione, è necessario presentare una domanda e ricevere un’autorizzazione abilitante all'esercizio della professione, come nel caso del medico. In tal caso è necessario presentare determinate certificazioni (per es. la certificazione delle competenze linguistiche, il certificato del casellario giudiziale, ecc.). Per maggiori informazioni consultate la sezione FAQ.

Se siete in possesso di una qualifica per una professione non regolamentata in Germania, non sarà necessario sottoporsi alla procedura di riconoscimento. Tuttavia, anche in questi casi la procedura di riconoscimento potrebbe tornare utile al momento della ricerca del lavoro o in caso di corsi di aggiornamento professionale, in quanto consente al datore di lavoro di valutare meglio le qualifiche professionali estere.
I laureati possono ricevere una valutazione individuale del loro titolo di studio universitario da parte dell'Ufficio centrale per l'istruzione all'estero così da aumentare le possibilità di trovare lavoro.

Suggerimento: il numero verde "Vivere e lavorare in Germania" offre una prima consulenza telefonica sul riconoscimento delle qualifiche professionali, nonché servizi di consulenza completa in tedesco e inglese nei seguenti ambiti:

  • ricerca lavoro e lavoro
  • riconoscimento delle qualifiche professionali estere
  • ingresso e soggiorno
  • imparare il tedesco

Il numero verde +49 30 1815 – 1111 è raggiungibile dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 15:00.


Il programma di promozione "Integrazione attraverso la qualifica (IQ)" (Integration durch Qualifizierung) offre servizi di consulenza a livello nazionale sul riconoscimento delle qualifiche e le qualifiche per le professioni regolamentate e non regolamentate.

Suggerimento: per l'esecuzione della procedura di riconoscimento potete ricevere un incentivo da numerose autorità statali competenti. Per maggiori informazioni consultate la sezione FAQ. Anche le imprese forniscono il loro supporto ai dipendenti nell'esecuzione della procedura di riconoscimento, per es. nell'espletamento di eventuali misure di qualifica. Nelle imprese, anche i membri del consiglio aziendale e di rappresentanza del personale sono referenti importanti.

FAQ Riconoscimento delle qualifiche professionali estere

Per 7 professioni “settoriali” (medico, infermiere, odontoiatra, veterinario, ostetrica, farmacista e architetto), l'Unione Europea prevede un riconoscimento automatico delle qualifiche professionali, poiché per queste professioni esistono standard di formazione uniformi in tutti i Paesi dell'UE. Se siete cittadini dell'UE e desiderate esercitare una di queste professioni in un altro Paese dell'UE, il riconoscimento delle vostre qualifiche non deve dipendere dalla verifica dell'equivalenza. Tuttavia, anche in questi casi, prima di iniziare ad esercitare la professione è necessario presentare una richiesta e ricevere un’autorizzazione abilitante all'esercizio della professione, come nel caso del medico. In tal caso è necessario presentare determinate certificazioni (per es. la certificazione delle competenze linguistiche, il certificato del casellario giudiziale, ecc.).

L'Agenzia federale per il Lavoro può fornirvi un sostegno finanziario per l'esecuzione della procedura di riconoscimento.
Se state cercando lavoro, l'Agenzia per il Lavoro si fa carico dei costi legati a una procedura di riconoscimento, per es. per eventuali traduzioni, copie autenticate e ulteriori spese. L'Agenzia per il Lavoro può anche finanziare la partecipazione a misure volte a garantire l'integrazione professionale con la trasmissione di competenze professionali.

Inoltre, qualora vengano soddisfatti determinati requisiti, l'Agenzia per il Lavoro può assumersi l'onere dei costi per eventuali corsi di aggiornamento o corsi per l'acquisizione di qualifiche per le persone in cerca di lavoro e per gli occupati. Tuttavia, tali corsi devono consentire il riconoscimento di un titolo professionale conseguito all'estero, migliorando così le possibilità lavorative.

Per ottenere la copertura dei costi per suddetti corsi, è necessario presentare in anticipo una richiesta all'Agenzia per il Lavoro competente o, qualora si percepisca l'indennità di disoccupazione II, presso il Centro per l'Impiego (Jobcenter).

Se non avete diritto a un incentivo da parte dell'Agenzia per il Lavoro, potete presentare domanda per ottenere il sussidio per il riconoscimento dello Stato entro il 30/09/2019. Il sussidio per il riconoscimento è pensato principalmente per gli occupati che lavorano al di sotto del loro livello di qualifiche professionali e percepiscono un reddito molto basso. Il sussidio per il riconoscimento ha un valore massimo di 600 euro e non deve essere rimborsato. È importante presentare la domanda di incentivo prima di avviare la procedura di riconoscimento delle qualifiche professionali estere. Per esempio, potete presentare la domanda per il programma di promozione Integrazione attraverso la qualifica (IQ) presso lo sportello di consulenza sul riconoscimento più vicino a casa vostra. Qui (pagina non disponibile in italiano) trovate tutte le informazioni sul sussidio per il riconoscimento.

Nel Baden-Württemberg, a Berlino e Amburgo esistono inoltre programmi regionali che offrono anche finanziamenti oltre al sussidio per il riconoscimento.