Cassa integrazione

Cassa integrazione

Caso esemplificativo
Jiří lavora da un anno come consulente clienti per un tour operator e a fine marzo è stato messo in cassa integrazione dal suo datore di lavoro a causa della pandemia di coronavirus. Il capo gli ha dato un accordo da firmare e gli ha detto che doveva essere messo in cassa integrazione. Se Jiří non avesse firmato l'accordo, sarebbe stato licenziato. Jiří non ha capito l’accordo: c'era scritto che avrebbe lavorato tra le 0 e le 40 ore settimanali, non era stato concordato quanto tempo sarebbe durata la cassa integrazione. Jiří ha comunque firmato l'accordo, come tutte le altre colleghe e gli altri colleghi. I mesi seguenti Jiří ha lavorato con diversi orari: a volte solo due ore al giorno, altri giorni ha dovuto lavorare otto ore o più. A maggio si è preso una settimana di ferie e nel mezzo c'erano anche giorni festivi. Jiří ha ricevuto solo € 1.200 al mese invece dei soliti € 2.000. Jiří non capisce le sue buste paga: gli importi indicati alle voci cassa integrazione, ferie e festività sono per lui incomprensibili. Dopo tre mesi è accaduto qualcosa che Jiří non si aspettava: è stato licenziato. Il motivo del licenziamento indicato è "ragioni operative". Jiří è molto deluso perché pensa che il suo capo non abbia mantenuto le sue promesse: Jiří non avrebbe dovuto perdere il lavoro. Jiří trova il licenziamento ingiusto e vuole fare qualcosa al riguardo. Ora vuole il suo intero stipendio e anche segnalare che il capo l'ha pagato troppo poco. Ma a chi?

1. Sportello di consulenza

Jiří va direttamente in uno sportello di consulenza per i lavoratori stranieri, che ha aiutato anche molti dei suoi amici che avevano problemi con i loro datori di lavoro. Esistono diversi sportelli di consulenza di questo tipo in tutta la Germania:

Sportelli di consulenza specifici per il diritto del lavoro:

https://www.bema.berlin/

https://www.arbeitundleben.de/beratungsstellen/beratungsstellen

https://www.faire-mobilitaet.de/beratungsstellen

Si può trovare una panoramica di tutti gli sportelli di consulenza in base al focus e alla lingua all'indirizzo:

https://www.eu-gleichbehandlungsstelle.de/eugs-it/cittadini-dell-ue/ricerca-sportello-di-consulenza

La consulenza è gratuita. Le consulenti o i consulenti parlano diverse lingue e possono esaminare i documenti di lavoro di Jiří da un punto di vista legale e suggerire possibili soluzioni specifiche.

Durante la consulenza, Jiří impara di più sulla cassa integrazione: è una misura che ha lo scopo di evitare licenziamenti. I datori di lavoro che hanno provvisoriamente pochi ordinativi, come ad esempio attualmente il datore di lavoro di Jiří a causa delle restrizioni del coronavirus, possono non licenziare subito il proprio personale. Al posto di ciò, possono ridurre temporaneamente l'orario di lavoro delle dipendenti e dei dipendenti. Quando la situazione degli ordini migliora, l'orario di lavoro può essere subito aumentato.

Se un datore di lavoro vuole introdurre la cassa integrazione, ha bisogno del consenso della dipendente o del dipendente. Il più delle volte, il consenso è confermato da un accordo scritto. Tali accordi devono essere formulati in modo chiaro e senza ambiguità. L'inizio e la fine della cassa integrazione devono essere espressamente specificati. L'accordo che Jiří ha firmato non soddisfa questi requisiti e potrebbe essere inefficace. Una conseguenza sarebbe che Jiří avrebbe il pieno diritto al salario, anche per le ore di lavoro perse. Ma ciò dovrebbe essere esaminato più da vicino da un punto di vista legale, ad esempio da un avvocato specializzato in diritto del lavoro.

Per le ore di lavoro perse, i dipendenti ricevono il 60% della retribuzione persa (se hanno figli, il 67%). Questa retribuzione è anche chiamata assegno di cassa integrazione. In cambio, il datore di lavoro riceve un sussidio dall’agenzia federale per il lavoro. Il datore di lavoro di Jiří alla fine del mese comunica all'agenzia per il lavoro quante ore sono state effettivamente perse. Queste informazioni devono essere veritiere. Durante le ferie, Jiří deve ricevere la sua normale retribuzione per le ferie. Il datore di lavoro di Jiří deve anche pagare personalmente le ferie, ma solo per l'importo dell'assegno di cassa integrazione.
 
Confrontando le schede attività e la busta paga, le consulenti e i consulenti determinano che Jiří ha ricevuto troppo poco denaro. Consigliano a Jiří di fare causa per il pagamento degli stipendi arretrati. I passaggi esatti sono stati descritti nel capitolo 2: “Mancato pagamento dello stipendio”.

Per quanto riguarda il licenziamento di Jiří: durante la cassa integrazione non vi è fondamentalmente alcun divieto di licenziamento.

Se la situazione economica del datore di lavoro non migliora nonostante il ricorso alla cassa integrazione e il lavoro di Jiří viene definitivamente meno, il datore di lavoro può licenziare Jiří a determinate condizioni:

Jiří lavora da più di sei mesi nell'azienda, che conta più di dieci dipendenti. Rientra quindi nella tutela dal licenziamento illegittimo. Il tribunale del lavoro può verificare se il licenziamento del datore di lavoro è giustificato e sociale. Se Jiří lo desidera, può impugnare questo licenziamento presso il tribunale del lavoro. Le consulenti e i consulenti possono preparare Jiří a intentare una causa contro il licenziamento.

Con il licenziamento termina la cassa integrazione. Il datore di lavoro deve ugualmente pagare Jiří. Secondo la versione ufficiale del BMAS, Jiří ha diritto al salario pieno dalla data di licenziamento fino alla fine del periodo di preavviso di recesso, indipendentemente dal fatto che sia ancora impiegato a tempo pieno o meno. Jiří dovrebbe sicuramente continuare a offrire la sua manodopera dopo il licenziamento, come concordato nel contratto!

Quando riceverà l'indennità di disoccupazione I, Jiří non avrà svantaggi dovuti alla cassa integrazione; l'indennità di disoccupazione è calcolata come se Jiří avesse lavorato a tempo pieno.

2. Tribunale del lavoro

Jiří può presentare la causa oralmente all'ufficio protocollo del tribunale del lavoro competente. La competenza del tribunale è generalmente basata sulla sede del datore di lavoro. Se Jiří ha lavorato in un luogo diverso dalla sede del datore di lavoro, può anche intentare una causa presso il tribunale del lavoro locale. È una sua scelta. Jiří può trovare online il tribunale del lavoro localmente competente:

https://www.gerichtsverzeichnis.de/verzeichnis. php

Jiří può compilare i moduli di reclamo e inviarli al tribunale del lavoro per posta o fax. I moduli sono disponibili sui siti web di molti tribunali del lavoro.

Jiří può trovare un modello di tutela dal licenziamento illegittimo nell’allegato XXI. PDF, 519 KB, con barriere

Le consulenti ed i consulenti degli sportelli di consulenza per il diritto del lavoro possono aiutare a compilare il modulo di reclamo.

Importante! Jiří deve presentare il reclamo al tribunale entro tre settimane dalla data in cui ha ricevuto la lettera di licenziamento. Dopodiché, sostanzialmente non è più possibile.

Se il tribunale del lavoro ritiene che il licenziamento sia stato legalmente infondato o socialmente ingiustificato, Jiří può mantenere il suo posto di lavoro.

3. Agenzia federale per il lavoro

Poiché le consulenti e i consulenti hanno riscontrato ampie discrepanze tra le schede attività e le buste paga e quindi molto probabilmente un abuso della cassa integrazione, consigliano a Jiří di informare l'Agenzia per il lavoro della questione e di fornire ulteriori prove, come le reali schede attività. Preferibilmente per iscritto via e-mail o per posta. Jiří può trovare i contatti dell’agenzia per il lavoro locale online:

https://con.arbeitsagentur.de/prod/apok/metasuche/suche/dienststellen

Ciò non aiuta Jiří a ottenere l'intero stipendio, ma può portare a punire il datore di lavoro e a contrastare comportamenti simili in futuro.
 
Se le circostanze indicano una frode, l’agenzia per il lavoro trasmetterà le informazioni al pubblico ministero. Gli inquirenti avviano un procedimento penale se è stata corrisposta erroneamente la cassa integrazione e se è stato commesso un reato. Jiří e le sue colleghe e i suoi colleghi possono quindi comparire come testimoni nel procedimento.

Se hanno lavorato più ore di quelle dichiarate, il datore di lavoro deve aspettarsi una multa o addirittura la pena detentiva. Ulteriori conseguenze potrebbero essere la futura esclusione dagli appalti pubblici. Il datore di lavoro non è più considerato affidabile ai sensi del diritto commerciale.

Di norma, il rischio di responsabilità penale esiste solo per il datore di lavoro. Ci sono eccezioni, tuttavia, in cui i dipendenti potrebbero essere accusati di reati di favoreggiamento. Ma nella pratica ciò accade raramente.

4. Controllo finanziario del lavoro nero (FKS)

Nel caso di Jiří potrebbe esserci anche una violazione della legge sul salario minimo, che può essere punita come illecito amministrativo con una multa fino a 500.000 €.

Jiří può quindi anche inoltrare la questione al controllo finanziario locale del lavoro nero. L’FKS è un'autorità che controlla i datori di lavoro e, tra le altre cose, verifica se stanno pagando correttamente i contributi previdenziali per i dipendenti. Jiří può trovare l'indirizzo dell’FKS localmente competente sul seguente sito internet. Tutto ciò di cui ha bisogno è il CAP del luogo in cui il datore di lavoro ha la sua azienda:

http://www.zoll.de/DE/Service/ Dienststellensuche/FKS/Schritt_02/_function/ Dienststellenfinder_Anliegen_FKS_Formular.html

Jiří può contattare personalmente l'FKS, presentare un reclamo e rilasciare una dichiarazione. Se ciò non è possibile, può anche inviare una comunicazione online:

https://www.zoll.de/DE/Kontakt/Meldung_ FKS/kontakt_node.html