Lavoro temporaneo

Lavoro temporaneo

Caso esemplificativo
Marisa lavora da un anno e mezzo in un'agenzia di lavoro interinale. Come altre e altri 60 portoghesi, ha lavorato fin dall'inizio in un centro logistico, dove è responsabile della preparazione alla spedizione dei pacchi. Le piace il suo lavoro. L'unica cosa che la preoccupa è il pagamento. Anche se lavora a tempo pieno secondo il suo contratto, non sa mai quante ore le verranno assegnate in un mese e quindi non può pianificare le sue spese. Alcuni mesi ottiene uno stipendio così basso che deve persino chiedere in prestito i soldi per l’affitto dalla sua famiglia. Adesso si aggiunge il fatto che il datore di lavoro ha richiesto a Marisa e a tutti i dipendenti, che sono lì dallo stesso tempo di Marisa, di firmare un contratto di risoluzione. Ha promesso che la assumerà di nuovo dopo tre mesi. Marisa non sa cosa fare. Ha sentito dire che se risolve lei stessa il contratto di lavoro, non riceverà l'indennità di disoccupazione.

1. Datori di lavoro

Per quanto riguarda l'orario di lavoro e la retribuzione, in base al suo contratto di lavoro, Marisa è obbligata a essere disponibile per il datore di lavoro 40 ore settimanali. Il datore di lavoro si è impegnato ad impiegare e pagare Marisa per 40 ore settimanali. Se non ha nessun lavoro per Marisa, lei ha comunque diritto all’intero stipendio, anche se non ha lavorato. Questo è il cosiddetto salario garantito. Se il datore di lavoro non paga Marisa per 40 ore ma solo per le ore che ha effettivamente lavorato, sta violando gli obblighi previsti dal diritto del lavoro.

Affinché Marisa possa ricevere il salario garantito, deve richiederlo al datore di lavoro stesso. Nessuna autorità lo fa al suo posto. Può, tuttavia, rivolgersi a uno sportello di consulenza sindacale per il diritto del lavoro, dove può ottenere maggiori informazioni sulle richieste salariali.

Marisa può trovare online gli indirizzi degli sportelli di consulenza locali su:

Sportelli di consulenza specifici per il diritto del lavoro

https://www.bema.berlin/

https://www.arbeitundleben.de/beratungsstellen/beratungsstellen

https://www.faire-mobilitaet.de/beratungsstellen

Marisa può trovare una panoramica di tutti gli sportelli di consulenza in base al focus e alla lingua all'indirizzo:

https://www.eu-gleichbehandlungsstelle.de/eugs-it/cittadini-dell-ue/ricerca-sportello-di-consulenza

Il capitolo 2 "Mancato pagamento dello stipendio" spiega come richiedere la retribuzione al datore di lavoro.

Marisa non dovrebbe e non deve firmare il contratto di risoluzione per due motivi:

(1) Dopo 18 mesi di assunzione, Marisa deve essere assunta definitivamente dal centro logistico. Il suo datore di lavoro (l'agenzia di lavoro interinale) cerca di aggirare questo problema sospendendo il contratto per tre mesi.

(2) Se Marisa firma il contratto di risoluzione, non solo perde l'opportunità di essere assunta al centro logistico, ma deve anche aspettarsi che non avrà diritto all'indennità di disoccupazione dall'agenzia federale per il lavoro fino un massimo di tre mesi.

2. Comitato aziendale del comodante/comodatario

Le singole e i singoli dipendenti come Marisa hanno difficoltà a farsi valere da soli contro il datore di lavoro. Per questo motivo molte aziende hanno un comitato aziendale eletto dai dipendenti, che rappresenta gli interessi dell'intera forza lavoro dell'azienda. Se nell'agenzia di lavoro interinale non è presente un comitato aziendale, Marisa può contattare anche il comitato aziendale del comodatario, ovvero l'azienda di logistica. Per Marisa, il comitato aziendale del centro logistico è principalmente responsabile delle questioni relative al luogo di lavoro, ad esempio salute e sicurezza sul lavoro o distribuzione dell’orario di lavoro. Il centro logistico ha però anche un dovere di diligenza nei confronti di Marisa e delle altre e degli altri lavoratori interinali. Il comitato aziendale del centro logistico non ha alcuna influenza diretta sul comodante (l'agenzia di lavoro interinale) se si tratta, ad esempio, di pagare i salari garantiti . Tuttavia, con riferimento al dovere di diligenza, può chiedere al proprio datore di lavoro di fare pressione sull'agenzia di lavoro interinaleper una corretta retribuzione del personale interinale.

3. Organismi di conciliazione vicini al datore di lavoro

La maggior parte delle agenzie di lavoro interinale in Germania sono membri di una delle due più grandi organizzazioni imprenditoriali del settore: l'associazione federale delle agenzie di fornitura di manodopera, associazione registrata (BAP) o l’associazione di interessi delle agenzie interinali tedesche, associazione registrata (iGZ). Le associazioni rappresentano gli interessi dei loro membri, negoziano le condizioni collettive di lavoro interinale e si impegnano per condizioni di lavoro eque, rispetto delle leggi e della sicurezza sul lavoro e degli standard etici. Questi principi di azione sono enunciati nel codice di condotta ed etico. Marisa può controllare il suo contratto di lavoro per vedere se il suo datore di lavoro appartiene a una delle due associazioni. Se è così, Marisa può contattare l'associazione responsabile e descrivere il suo caso lì. L'associazione dei datori di lavoro può quindi mediare e raggiungere un accordo e impedire al datore di lavoro di violare ulteriormente il contratto.

Se l'agenzia di lavoro interinale è membro dell'iGZ, Marisa può contattare l’organismo di conciliazione e di contatto (KuSS) all'indirizzo:

kontakt@kuss-zeitarbeit.de  o per telefono: 030 25762847
 
Presso la BAP non è stato costituito alcun organismo di conciliazione, ma in questi casi si consiglia comunque di contattare l'associazione per iscritto:

Associazione federale delle agenzie di fornitura di manodopera, associazione registrata (BAP)
Universitätsstraße 2-3a
10117 Berlino

4. Agenzia federale per il lavoro

Trattenere il salario garantito è una violazione della § 615 del Codice Civile Tedesco (BGB) e della legge sulla somministrazione di lavoro (AÜG) (§ 11 par. 4 frase 2). Il tentativo di impedire al comodatario di assumere Marisa e altri dipendenti viola l’obiettivo della § 1 par. 1b AÜG.

Marisa può denunciare queste violazioni all'agenzia di collocamento che ha rilasciato al datore di lavoro l'autorizzazione per i lavoratori temporanei. Ci sono tre agenzie di collocamento in Germania responsabili del rilascio del permesso AÜG: a Norimberga, Kiel e Düsseldorf. Quale agenzia è responsabile dipende da dove si trova la sede principale dell’azienda comodante:

Agenziacompetente perContatto
Agenzia per il Lavoro Norimberga
90300 Norimberga


Baden-Württemberg, Baviera, Renania-Palatinato, Saarland
Telefono: 0911 529-4343
Fax: 0911 529-4004343
Nuernberg.091-ANUE@arbeitsagentur.de
Lun–Ven: 8–13 / inoltre giovedì: 13–16


Agenzia per il Lavoro Kiel
24131 Kiel


Berlino, Brandeburgo, Brema, Amburgo, MeclemburgoPomerania, Bassa Sassonia, Sassonia, Sassonia-Anhalt, Schleswig-Holstein, Turingia
Telefono: 0431 709-1010
Fax: 0431 709-1011
Kiel.091-ANUE@arbeitsagentur.de
Lun–Ven: 8–13 / inoltre giovedì: 13–16


Agenzia per il Lavoro Düsseldorf
40180 Düsseldorf


Hessen,
Nordrhein-Westfalen


Telefono: 0211 692-4500
Fax: 0211 692-4501
Duesseldorf.091-ANUE@arbeitsagentur.de
Lun–Ven: 8–13 / inoltre giovedì: 13–16



L'agenzia di collocamento responsabile può controllare il datore di lavoro sulla base del reclamo di Marisa. Se vengono riscontrate violazioni della legge, l'agenzia di lavoro interinale deve aspettarsi sanzioni pecuniarie o addirittura le può essere vietato di continuare a lavorare come agenzia di lavoro interinale. È importante che Marisa descriva dettagliatamente la situazione nella lettera di reclamo e che alleghi prove, ad esempio il contratto di lavoro e le buste paga.

Gli sportelli di consulenza in materia di diritto del lavoro possono aiutare a preparare tale reclamo (vedi punto 1). Le possibilità che il datore di lavoro venga punito aumentano se altre vittime si uniscono alla denuncia. Dopo aver presentato la denuncia, Marisa solitamente non riceve alcuna informazione circa l’esito della verifica da parte dell’agenzia per il lavoro.

5. Controllo finanziario del lavoro nero (FKS)

Trattenendo il salario garantito, da un lato, si viola l'obbligo di pagare il salario minimo e, dall'altro, vengono trattenuti i contributi previdenziali. Per questo motivo Marisa può anche sporgere denuncia al controllo finanziario del lavoro nero, che può comportare il controllo e la sanzione dell'azienda in caso di cattiva condotta:

http://www.zoll.de/DE/Service/ Dienststellensuche/FKS/Schritt_02/_function/ Dienststellenfinder_Anliegen_FKS_Formular.html

6. Comodatario

Se Marisa lavora presso il centro logistico per più di 18 mesi, il contratto di lavoro tra lei e l'agenzia di lavoro interinale non avrà valore. A questo punto si crea automaticamente un rapporto di lavoro a tempo indeterminato tra Marisa e il centro logistico.

Attenzione! Nel nuovo rapporto di lavoro alcune scadenze vengono azzerate. Ad esempio, Marisa ottiene tutela dal licenziamento illegittimo presso il centro logistico solo 6 mesi dopo l'assunzione. Non viene preso in considerazione il periodo di lavoro nel centro logistico da precedente impiego presso l'agenzia di lavoro interinale.

Torna alla Guida