Famiglia e figli

Famiglia e figli

Ci sono vari sussidi statali che alleviano e sostengono le famiglie. Tra le prestazioni finanziarie più importanti ci sono l’assegno familiare per figli a carico, l’assegno supplementare per figli a carico e l’indennità di congedo parentale.

1. Prestazioni prima e dopo la gravidanza

Per le mamme (in attesa) che hanno il loro posto di lavoro in Germania si applica la legge sulla tutela della maternità (MuSchG). Questa legge protegge dai pericoli sul posto di lavoro e fornisce una speciale tutela dal licenziamento illegittimo. In questo modo le donne incinte possono lavorare nelle ultime 6 settimane prima della nascita solo con il loro consenso e non fino a 8 settimane dopo la nascita. In caso di parto prematuro e multiplo, le madri non possono lavorare fino a 12 settimane dopo il parto. In caso di parto medico prematuro e di altri parti prematuri, il congedo di maternità dopo il parto viene prolungato dei giorni che non potevano essere utilizzati prima del parto. La legge vieta inoltre anche alcuni tipi di lavoro (per esempio, il cottimo, la catena di montaggio, gli straordinari, il lavoro domenicale o notturno). Se un medico certifica un divieto individuale di lavoro, questo diventa vincolante.

Per proteggere la donna da svantaggi finanziari durante questo periodo, la legge sulla tutela della maternità disciplina diverse prestazioni di maternità:

  • l’indennità di maternità,
  • il contributo del datore di lavoro all’indennità di maternità durante il congedo di maternità,
  • la retribuzione in caso di divieti di lavoro al di fuori del congedo di maternità (retribuzione in maternità).

Suggerimento: il video multilingue “Tutela della maternità: informazioni importanti per le lavoratrici” vi spiega che cosa è necessario sapere in materia di congedo di maternità, configurazione del posto di lavoro, allattamento e indennità di maternità.

2. Assegno familiare per figli a carico

Potete richiedere la detrazione fiscale per i figli se:

  • Siete cittadini di uno Stato membro dell’Unione Europea (UE), di Islanda, Liechtenstein, Norvegia o Svizzera,
  • Avete il domicilio oppure la residenza abituale in Germania e quindi siete soggetti all’imposta sul reddito senza restrizioni.
  • Voi e vostro figlio siete identificati mediante il numero di codice fiscale (il numero identificativo viene inviato automaticamente dall’Ufficio centrale federale per le imposte al vostro indirizzo di registrazione),
  • Vostro figlio ha la residenza o risiede abitualmente in Germania, in uno Stato membro dell’UE, in Islanda, Liechtenstein, Norvegia o Svizzera.

Se non abitate o non avete la residenza abituale in Germania, ma guadagnate almeno il 90% del vostro reddito in Germania, su richiesta presso l'Agenzia delle Entrate potete essere trattati come soggetti all’imposta sul reddito senza restrizioni. Può esserci anche il diritto all’assegno familiare per figli a carico secondo la legislazione sociale se non abitate o non avete la residenza abituale in Germania, ma siete soggetti a imposta sul redditto limitata in Germania, perché siete soggetti all’obbligo di versare i contributi previdenziali qui.

Attenzione: durante i primi tre mesi dopo il trasferimento della residenza o lo stabilimento della vostra residenza abituale in Germania, non avete diritto all'assegno familiare per figli a carico se durante questo periodo non avete un reddito interno. A ciò si aggiunge il reddito dal vostro lavoro (non autonomo o autonomo) o introiti da azienda commerciale.

Se avete diritto alla libera circolazione non dovete soddisfare alcun altro requisito. Nel caso di persone non aventi diritto alla libera circolazione il diritto all’assegno familiare per figli a carico dipende dal permesso di soggiorno (per es. dal permesso di residenza permanente). Avete diritto alla libera circolazione se svolgete un lavoro (non autonomo o autonomo). Se non lavorate, è necessario che disponiate di una copertura assicurativa sanitaria adeguata e di mezzi di sussistenza sufficienti. Potete trovare maggiori informazioni sul diritto di soggiorno e di libera circolazione qui.

Attenzione: se il vostro diritto alla libera circolazione si basa esclusivamente sulla ricerca di lavoro, non avete alcun diritto all’assegno familiare per figli a carico. Questo non vale solo se siete già stati in Germania prima di iniziare la vostra ricerca di lavoro sulla base di un altro diritto alla libera circolazione, per es. perché avete già lavorato in precedenza. In questo caso anche per chi cerca lavoro c’è il diritto dell’assegno familiare per figli a carico.

Non appena soddisfatti i requisiti del diritto all’assegno familiare per figli a carico, potete ricevere su richiesta l’assegno familiare per figli a carico. Questo è il caso anche se nelle prime settimane del vostro trasferimento in Germania non siete ancora occupati e non avete reddito. Una relativa disposizione nella legge sull’imposta sul reddito, che prevede l’esclusione dall’assegno familiare per figli a carico per genitori non occupati con diritto di libera circolazione, attualmente non viene più applicata dalle casse famiglia e sarà modificata in tempi prevedibili.

L’assegno familiare per figli a carico viene solitamente dato per figli fino al 18° compleanno. Tra queste:

  • figli naturali e adottati,
  • figliastri,
  • figli adottivi
  • nipoti.

Se il figlio ha più di 18 anni è possibile ricevere l’assegno familiare per figli a carico solo a determinate condizioni al massimo fino al compimento del 25° anno di età. Può essere il caso se vostro figlio per la prima volta completa un coso di laurea o una formazione professionale.

Attenzione: se la vostra famiglia vive in un altro Paese dell'UE, dovete prima chiarire quale Paese è responsabile del pagamento dell’assegno familiare per figli a carico. Può essere che riceverete prestazioni parziali in vari Paesi dell’UE. Questo dipende dalla vostra situazione familiare. Fare clic qui per saperne di più sui casi transfrontalieri.

La richiesta di assegno familiare per figli a carico deve essere presentata alla cassa famiglia dal genitore presso il quale vive il figlio. L’assegno familiare per figli a carico a partire dal 1° gennaio 2023 ammonta a 250 Euro al mese per ciascun figlio.

Attenzione: A partire dalla data di ricezione della richiesta, la cassa famiglia pagherà l’assegno familiare per figli a carico retroattivamente solo per i precedenti 6 mesi.

Informazioni multilingue sull’assegno familiare per figli a carico sono disponibili nel portale per le famiglie. Moduli multilingue per l’inoltro della richiesta sono disponibili alla pagina Internet dell’Agenzia federale per il Lavoro . È possibile inoltrare online la richiesta di assegno familiare per figli a carico (solo in tedesco).

Suggerimento: La schermata multilingue “Assegno familiare per figli a carico” fornisce informazioni sui principali punti.

3. Assegno supplementare per figli a carico

L’assegno supplementare per figli a carico ai sensi di § 6a della Legge federale sugli assegni familiari (BKGG) supporta genitori, il cui reddito mensile non è sufficiente per coprire completamente il fabbisogno della famiglia. A partire dal 1° gennaio 2024 l’assegno supplementare per figli a carico ammonta a max. 292 Euro al mese per ciascun figlio e con l’assegno familiare per figli a carico e l’eventuale indennità di alloggio copre il fabbisogno medio dei figli. Chi riceve l’assegno supplementare per figli a carico, ha inoltre il diritto alle prestazioni per formazione e partecipazione .

I genitori hanno il diritto all’assegno supplementare per figli a carico per i loro figli quando

  • i figli hanno meno di 25 anni e non sono sposati o non vivono in regime di unione civile.
  • vivono nella stessa abitazione dei genitori,
  • per questi figli viene percepito l’assegno familiare per figli a carico o un sussidio che esclude l'assegno familiare per figli a carico,
  • le entrate mensili dei genitori raggiungono il limite di reddito minimo di 900 Euro lordi per i genitori e di 600 Euro lordi per famiglie monoparentali.
  • le esigenze della famiglia sono coperte dal pagamento dell'assegno familiare per figli a carico, l’assegno supplementare per figli a carico ed eventualmente dell'indennità di alloggio, e quindi non sorge alcun diritto all'indennità di disoccupazione II.

Ulteriori indicazioni sull’assegno supplementare per figli a carico e sulla presentazione della domanda sono disponibili nel portale per le famiglie .

Suggerimento: La schermata multilingue “Assegno supplementare per figli a carico“ fornisce informazioni sulle prestazioni a supporto di genitori con reddito basso.

4. Indennità di congedo parentale

L’indennità di congedo parentale è un supporto finanziario per famiglie dopo la nascita di un figlio. L’indennità di congedo parentale compensa una parte del reddito mancante se volete essere presenti per il vostro figlio dopo il parto e per questo motivo interrompete o limitate la vostra attività professionale. Per ottenere l’indennità di congedo parentale non dovete obbligatoriamente prendere il congedo parentale , ma dovete lavorare solo limitatamente.

Il diritto all’indennità di congedo parentale si ha se il figlio risiede in Germania o se un genitore è o è stato occupato in Germania. L’indennità di congedo parentale può essere richiesta da chi

  • nei mesi oggetto della richiesta di indennità di congedo parentale lavora non più di 32 ore alla settimana,
  • si prende cura ed educa il bambino stesso,
  • vive con il bambino in una casa e
  • ha la residenza o la dimora abituale in Germania.

L’indennità di congedo parentale deve essere richiesta presso il proprio sportello locale competente per l'indennità di congedo parentale. Il vostro sportello competente per l'indennità di congedo parentale competente è disponibile qui .

Suggerimento: In EltergeldDigital potete presentare la richiesta di indennità di congedo parentale anche online. Ilportale online è disponibile solo in tedesco.

In base alle necessità dei genitori, i regolamenti offrono varie modalità per l’indennità di congedo parentale.

L’indennità di congedo parentale di base durante i primi 14 mesi di vita del bambino varia dal 65 % al 100 % secondo il reddito netto prima della nascita. Più basso è il reddito e maggiore è la percentuale. L’importo massimo è 1.800 Euro al mese.

I padri e le madri possono riceverla per un massimo di 14 mesi in totale e dividere il periodo liberamente tra loro. Un genitore può prendere un minimo di 2 e un massimo di 12 mesi. I 14 mesi interi si hanno quando entrambi i genitori sono coinvolti nella cura del bambino. Le famiglie monoparentali possono ricevere l’indennità di congedo parentale per tutti i 14 mesi. Se il bambino nasce 6 settimane prima o ancora più in anticipo rispetto alla data prevista del parto, i genitori ricevono l’indennità di congedo parentale per ulteriori max. quattro mesi.

I genitori che si suddividono l’attività professionale e il lavoro familiare vengono supportati in particolare con l’indennità integrativa di congedo parentale e con il bonus parentale. Ulteriori informazioni sono disponibili qui .

Suggerimento: La schermata multilingue “L’indennità di congedo parentale “ fornisce informazioni sulle prestazioni che compensano il mancato reddito dei genitori a causa dell’assistenza ai bambini.

5. Congedo parentale

Il congedo parentale vi permette di interrompere il vostro lavoro o di ridurre l'orario di lavoro per occuparvi di vostro figlio. Il congedo parentale è un diritto del* dipendent* nei confronti del datore di lavoro per i* dipendent* che svolgono abitualmente il loro lavoro in Germania e per i* dipendent* che lavorano all'estero, se il rapporto di lavoro è soggetto al diritto tedesco. Se prendete il congedo parentale, non dovete andare a lavorare. Non riceverete lo stipendio. Ma durante questo periodo potrete ricevere l’indennità di congedo parentale alle condizioni succitate.

Attenzione: durante il congedo parentale non potete essere licenziati. Il rapporto di lavoro è semplicemente sospeso e avete il diritto di ritornare al vostro posto di lavoro.

6. Assistenza per bambini

I bambini a partire da 1° anno di età hanno diritto a un posto in un asilo nido (denominato anche scuola materna oppure “asilo”) oppure in una custodia diurna dei bambini (presso una “educatrice per l’infanzia” - o un “educatore per l’infanzia”). Questo diritto all’assistenza del bambino è valido dal suo 1° compleanno fino all’inserimento a scuola.

A determinate condizioni un bambino di età inferiore a 1 anno può anche ricevere un posto di assistenza (per es. se i genitori lavorano, sono in cerca di lavoro o stanno svolgendo una formazione).

I genitori possono scegliere se il loro bambino deve essere accudito in un asilo nido o da un’educatrice/educatore per l’infanzia. Per ricevere un posto (di assistenza) è necessario presentare una richiesta presso il competente Ufficio assistenza minori .

Molti Uffici assistenza minori in Germania mettono a disposizione su Internet moduli e informazioni, nonché una panoramica sulle spese di assistenza derivanti. Gli Uffici assistenza minori offrono anche un’assistenza personalizzata per genitori e vi supportano nella ricerca di un posto (di assistenza) adeguato.

Suggerimento: se desiderate fare assistere vostro figlio, dovete registrarvi presto. A causa del grande numero di richieste di genitori interessati, i posti di assistenza sono spesso già assegnati. Molte persone attendono parecchi mesi per un posto (di assistenza). Vi preghiamo di informarvi il prima possibile per posti liberi.

L’assistenza in un asilo nido è particolarmente vantaggiosa, soprattutto per le competenze linguistiche del vostro bambino. Per i bambini e i ragazzi che crescono con una lingua madre diversa dal tedesco, esistono speciali programmi di sostegno linguistico nelle scuole materne e a scuola.

Suggerimento: per il successo scolastico di vostro figlio è importante che parli bene il tedesco. Per questo consigliamo di utilizzare le offerte di supporto linguistico! In alcuni Stati federali la partecipazione ai programmi di supporto per la lingua tedesca è obbligatoria per quei bambini. Informazioni sulle offerte di supporto per la lingua tedesca sono disponibili direttamente nella scuola materna oppure nella scuola di vostro figlio, nonché presso la consulenza in materia di migrazione.

Ulteriori informazioni possono essere ottenute presso:

•    Uffici assistenza minori
•    Consulenza per la famiglia
•    Sportelli di consulenza
•   Asili nido per bambini e scuole (molti asili e scuole per esempio propongono un “open day” durante il quale in date prestabilite possibile visitare il nido o la scuola. Queste giornate porte aperte vengono annunciate per lo più su pagine Internet delle strutture).

7. Programma di accesso alla cultura e alla vita sociale

In particolare bambini, adolescenti e giovani adulti che ricevono il reddito di cittadinanza o l’assegno sociale o i cui genitori ricevono l'assegno supplementare per figli a carico o l'indennità di alloggio hanno diritto alle prestazioni scolastiche e di partecipazione. Queste comprendono:

  • gite di un giorno con la scuola e con l’asilo,
  • gite scolastiche della durata di più giorni,
  • la fornitura di materiale scolastico personale per € 150 per anno scolastico,
  • gli spostamenti per andare a scuola,
  • un adeguato supporto di apprendimento,
  • un sussidio per i pranzi collettivi, nonché
  • prestazioni per partecipare alla vita sociale e culturale nella comunità (sport, musica, tempo libero).

Le domande per le prestazioni di formazione e di partecipazione devono essere presentate alle autorità comunali competenti del rispettivo Stato federale. Qui si possono trovare informazioni su dove potete richiedere le prestazioni.

8. Familiari in un altro Stato membro dell’UE

Le prestazioni familiari, come per esempio l’assegno familiare per figli a carico oppure l’indennità di congedo parentale in Germania, sono disponibili in tutti i Paesi dell’UE, ma in ogni Paese ci sono delle grandi differenze per quel che riguarda la loro struttura e il loro importo. Spesso si pone la questione di quale Paese sia responsabile del pagamento delle prestazioni familiari. Questo dipende dalla vostra situazione familiare.

  • Se la vostra famiglia vive nel Paese in cui lavorate, questo Paese è responsabile del pagamento delle prestazioni familiari. Riceverete le prestazioni familiari alle stesse condizioni e con lo stesso importo come i cittadini di quel Paese.
  • Se la vostra famiglia non vive nel Paese in cui lavorate, potreste avere diritto a prestazioni in diversi Paesi. Se avete diritto alle prestazioni familiari in vari Paesi, ci sono delle regole sull’ordine di priorità che stabiliscono quale Paese ha la precedenza. Se le prestazioni familiari sono più elevate nell'altro Paese, potete rivendicare la differenza in quel Paese.

Esempio: un genitore lavora in Germania, l'altro genitore lavora in Polonia e vive lì con il figlio. Si ha quindi diritto all’assegno familiare per figli a carico sia in Polonia che anche in Germania. Poiché entrambi i genitori lavorano, la residenza del figlio determina il Paese prioritario responsabile del pagamento delle prestazioni familiari. In questo caso la Polonia paga l’assegno familiare polacco per figli a carico poiché il figlio vive in Polonia. Poiché l’assegno familiare polacco per figli a carico polacco è inferiore rispetto all’assegno familiare tedesco per figli a carico, la Germania paga la differenza. In totale riceverete quindi un assegno familiare per figli a carico pari a quello del Paese con le prestazioni più elevate. 

Il video sull’assegno familiare per figli a carico nei casi transfrontalieri fornisce una buona panoramica (disponibile in inglese e polacco). Sul sito internet della cassa famiglia è disponibile anche la scheda informativa per assegno familiare per figli a carico nei casi transfrontalieri . Nella scheda informativa sono disponibili anche indicazioni sulle casse famiglia competenti.

9. Video multilingue sulle prestazioni familiari

Chi ha dei figli ottiene il supporto dello Stato. Tuttavia, per quanto diverse siano le famiglie, lo sono anche i benefici e le agevolazioni fiscali che ricevono. Video disponibili in varie lingue spiegano le principali prestazioni di politica familiare assegno familiare per figli a carico, assegno supplementare per figli a carico e anticipo sull’assegno di mantenimento, nonché esenzioni per bambini e importo dell'agevolazione per le famiglie monoparentali.

Video sulle singole prestazioni per famiglie

Torna alla Guida