Coronavirus: informazioni e links in più lingue

Con il loro comportamento tutti e ciascuno possono contribuire a proteggere dal coronavirus sé stessi, persone anziane e persone indebolite da precedenti malattie. La politica ha messo in atto misure volte a contenere la diffusione del virus, a prevenire il sovraccarico del sistema sanitario e ad ammortizzare le conseguenze economiche della pandemia. Il Governo federale informa su diversi canali e in diverse lingue sullo stato attuale del coronavirus. Qui sono raccolte le principali informazioni.

Salute e consigli di comportamento

Le seguenti regole restano valide: ridurre al minimo i contatti con gli altri, limitandosi a frequentare una stessa cerchia di persone.

Resta importante osservare le seguenti regole: Mantenere una distanza interpersonale di almeno 1,5 metri, lavarsi le mani, coprirsi naso e bocca con una mascherina e arieggiare regolarmente gli ambienti. Attualmente nei mezzi pubblici e nei negozi vige l'obbligo di indossare mascherine medicali o FFP. La decisione se questa regola resterà in vigore spetta al Bundesland nel quale soggiornate.

Regole nella vita quotidiana (3G, 2G, 2G plus): Possono accedere al posto di lavoro e ai mezzi pubblici solo coloro che sono guariti, vaccinati oppure negativi al tampone (3G). Possono accedere a ristoranti, bar, alberghi, teatri a parrucchieri solo coloro che sono guariti oppure vaccinati (2G). Qualora nel Bundesland vi siano molte persone ricoverate per Covid (2G plus), in tali luoghi può essere necessario un test al tampone con esito negativo. Dalla regola 2G plus sono esentati coloro che non possono essere vaccinati oppure per i quali non sussiste raccomandazione generale alla vaccinazione.

Regolari test corona: I test rapidi corona sono uno strumento importante per consentire una maggiore normalità della vita quotidiana e contatti sociali sicuri. Per tale ragione tutti dovrebbero in Germania, poter fare un test rapido gratuito alla settimana.

Maggiori informazioni sulla salute e sulle norme di comportamento sono disponibili presso il  Ministero federale della salute.

Scarica insieme a milioni di altre persone in Germania la  Corona-Warn-App del Governo federale. Più persone collaborano, più l’app riesce a tutelarci con efficacia.

Tenere presenti le regole in vigore nel vostro  Bundesland.

Coronavirus SARS-CoV-2 – Informazioni e indicazioni pratiche
(Fonte: Ministero federale della salute)

Per Ritornare alla quotidianità - con la Corona-Warn-App per la Germania
(Fonte: l’Incaricata del Governo Federale per la migrazione, i rifugiati e l’integrazione)

Vaccino corona

Con una vaccinazione corona contribuite a proteggere voi stessi, la vostra famiglia e le persone più a rischio. Tutti coloro che hanno la loro residenza in Germania oppure il loro soggiorno regolare come anche coloro che lavorano in determinate strutture di cura in Germania, senza essere residenti, hanno diritto alla vaccinazione.

In linea di principio tutti gli aventi diritto al vaccino hanno il diritto di ricevere una vaccinazione di richiamo ("Booster") nell'ambito dell'omologazione del vaccino. L'omologazione EMA è data per i vaccini di Biontech & Moderna per tutti a partire dai 18 anni, per persone con gravi deficienze immunitarie a partire dai 12 anni. Con la vaccinazione di richiamo si assicura che la protezione da un decorso grave dovuta dal vaccino duri più a lungo. La vaccinazione Booster dovrebbe avvenire non prima di 6 mesi dall'ultima somministrazione di vaccino, nel caso del vaccino Johnson & Johnson dopo 4 settimane.

La vaccinazione di richiamo è particolarmente indicata per:

  • persone anziane
  • persone con patologie pregresse
  • tutti coloro che hanno necessità di assistenza
  • persone vaccinate con un vaccino a vettore vettoriale (p. es. Astra Zeneca oppure Johnson & Johnson)
  • persone che hanno frequente contatto con persone particolarmente infettive o a rischio (p. es. operatori sanitari).

La vaccinazione è volontaria e gratuita e si svolge in centri di vaccinazione e ambulatori medici. Al numero verde 116 117 potete ricevere informazioni su dove e quando potete essere vaccinati.

Se siete già stati vaccinati l'avvenuta vaccinazione contro il coronavirus può essere documentata in modo digitale. Il certificato elettronico può essere generato nell'ambulatorio del medico, nella farmacia o nel centro vaccinale. Dopo l'immissione dei dati viene generato un codice QR. I vaccinati possono scansionare tale codice QR con la  CovPass-App oppure la  Corona-Warn-App e in tal modo dimostrare il loro status per mezzo del codice QR.

I vaccini sono stati sottoposti ad accurata verifica della tollerabilità, sicurezza ed efficacia. Anche dopo la vaccinazione vale: mantenere la distanza e indossare la mascherina!

Informazioni sul vaccini mRNA
(Fonte: Robert Koch Institute)

Informazioni sul vaccini vettoriali
(Fonte: Robert Koch Institute)

Lavoro e denaro

Le imprese sono obbligate a offrire due possibilità di test alla settimana ai propri dipendenti che non lavorino esclusivamente da casa.

La tutela contro il licenziamento rimane in vigore anche durante la pandemia corona. Se il datore di lavoro ha ridotto l’orario di lavoro, si ha il diritto a ricevere un’indennità causa lavoro ridotto (CIG), per un periodo fino a 24 mesi. L’importo può ammontare fino all’87 della perdita salariale. Il  Ministero federale per il lavoro e gli affari sociali risponde in più lingue alle questioni di diritto lavorativo.

Ci sono anche sostegni per aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni. Ci sono crediti, finanziamenti e esenzioni fiscali. Tutte le informazioni sono disponibili presso il  Ministero federale dell’economia e dell’energia.

Gli studenti che si trovino in gravi condizioni economiche possono richiedere un finanziamento all'ente studentesco. Questo può ammontare a fino a 500 al mese. Inoltre c'è il finanziamento per gli studi di KfW, anche per studenti stranieri.

Entrare e uscire dal Paese

In generale: si dovrebbero evitare viaggi non assolutamente necessari. I singoli Stati, anche all’interno dell’UE, hanno la facoltà di limitare ulteriormente le entrate in Germania oppure disporre un periodo di quarantena per chi vi entra. Per favore, prima di un viaggio informarsi sulle attuali limitazioni all'ingresso in Germania e sui controlli di frontiera presso il  Ministero federale degli affari esteri e presso il  Ministero federale dell'interno.

Tutti coloro che rientrano in Germania da un'area a rischio o con presenza di varianti devono compilare una  Segnalazione di ingresso  digitale.

Per consultare un elenco aggiornato quotidianamente del Paesi classificati come tali, vedere al sito  Robert Koch Institut.

Prima dell'ingresso nel Paese: Prima dell'ingresso in Germania, con provenienza da un altro Paese, occorre essere in possesso di un attestato di vaccinazione, guarigione o test. (vengono accettati sia i test PCR, sia i test antigenici.) L'obbligo di certificazione vale per tutti oltre il 12esimo anno di età compiuto.

Come documento della guarigione vale un test di laboratorio (PCR, PoC-PCR) non più recente di 28 giorni e non non più vecchio di 6 mesi. La vaccinazione completa deve essere stata terminata da oltre 14 giorni.

Dopo l'ingresso nel Paese: Tutti, per principio, devono sottomettersi a una quarantena domiciliare di 14 giorni, qualora provengano da un'area con presenza di varianti. Tutti coloro che provengono da un'area a rischio devono sottomettersi a una quarantena di 10 giorni, a meno che non siano guariti o vaccinati contro il Covid-19. Tale quarantena può essere terminata per mezzo di un ulteriore test non prima del 5° giorno. 

Per leggere tutti gli avvisi sul rientro in Germania consultare il sito  Bundesministerium für Gesundheit.

Re-open EU
(Fonte: Unione europea)

Tutela dalla violenza

Una situazione eccezionale per tutta la famiglia - Consigli per prevenire la violenza domestica a causa delle limitazioni dei contatti nel periodo del coronavirus PDF, 500 KB, barrierefrei
(Fonte: Die Beauftragte der Bundesregierung für Migration, Flüchtlinge und Integration und Ethno-Medizinisches Zentrum e.V., L'incaricata del Governo federale per la migrazione, i rifugiati e l'integrazione come anche il Centro di medicina etnica e. V.)